<link rel="stylesheet" href="/static/CACHE/css/main.c16175573b84.css" type="text/css" media="screen, projection">

Naos Design: intervista con l'architetto

Le strade di Emilgroup e Naos Design si intrecciano nel 2017 a Milano. Ne nasce una proficua collaborazione che si trasforma nella realizzazione di due importanti progetti nel campo della ristorazione milanese: Nishiky e Niwa.

Abbiamo deciso di fare quattro chiacchiere con i due fratelli dello studio Naos Design di Milano: l’Arch. Andrea Alessi e il Designer Dario Alessi, per avere una visione più approfondita del rapporto simbiotico tra superfici ceramiche e architettura e cercare di capire quale sarà il futuro dei locali commerciali dopo i cambiamenti causati dal covid-19.

Quali sono le attività e le peculiarità del Vostro studio? 

Naos Design è uno studio di architettura e design d’interni nato nel 1993 che vanta trent’anni di esperienza nella completa realizzazione dei suoi progetti, da sempre specializzati nel settore dell’Estetica e Parrucchieri con partner rinomati del settore, oltre a spazi commerciali, uffici e privati. Negli ultimi anni lo Studio si è distinto espandendo la propria esperienza nel settore della ristorazione, progettando interni di design ed eleganza contemporanea e permettendo ad ogni cliente di esprimere in maniera distintiva la propria identità in un contesto fortemente competitivo.

Parliamo dei progetti Niwa e Nishiki, due ristoranti di milano.  Si possono identificare caratteristiche comuni a livello architettonico? 

Sicuramente Niwa è un’elevazione di Nishiki, e ci ha permesso di evolverci nello sviluppo di determinati concetti stilistici inizialmente approcciati con il primo ristornate.

Abbiamo volutamente mantenuto un filo conduttore nell’estetica e nei colori per richiamare il legame che c’è fra i due ristoranti, che si distinguono grazie a note di carattere molto particolari. Ad esempio le venature dorate della porcellana giapponese noto come Kintsugi applicato alle pareti, o le maestose lavorazioni in pietra del bancone all’ingresso di Niwa che richiamano i monti giapponesi. 

Per Nishiki abbiamo scelto il colore Slate Black della collezione Cornerstone, nel formato 60x120 cm e il colore Grey della collezione Stone Project, nel formato 30x60 cm. Per il ristorante Niwa, protagonista a pavimento è la collezione Be-Square di Emilceramica, scelto nel colore Concrete 120x240 cm, mentre in cucina, per il rivestimento a parete, è stata adottata una soluzione effetto “brick” 7,5x30 cm con il prodotto Regoli di Provenza nel colore Petrolio.
 

Quali sono i vantaggi dei prodotti ceramici Emilgroup che avete apprezzato nelle varie fasi del progetto? 

La resistenza e la qualità dei materiali Emilgroup rispettano pienamente le nostre esigenze a livello strutturale. L’estetica e il design rappresentano a pieno le nostre linee progettuali, per questo motivo ci appoggiamo con fiducia ai prodotti Emilgroup.

Quali saranno, a vostro parere, le tendenze progettuali degli spazi commerciali e dei locali nel 2021, alla luce della situazione che stiamo vivendo? 

Sicuramente andiamo incontro all’esigenza sempre più forte di rendere minimal e semplificare gli spazi affinché ci sia un maggiore controllo degli ambienti. Crediamo fortemente che la pulizia stilistica sia fondamentale a livello di progettazione ed a livello strutturale per permettere ai nostri clienti di adeguarsi in maniera pratica ed efficiente alle tendenze sociali e di mercato, che come quest’anno ci ha dimostrato possono variare in maniera drastica.

In questo nuovo contesto come si pone un materiale sostenibile come il gres porcellanato? 

Strategica è stata l’innovazione nelle dimensioni: il nostro studio Naos Design predilige infatti i grandi formati. 
Gli elementi più sottili nei grandi formati ci permettono inoltre di rinnovare pavimenti e pareti senza dover smantellare le preesistenze, riducendo i costi e favorendo le operazioni di restyling del patrimonio edilizio esistente. 
Il Gres Porcellanato a parità di temperatura negli ambienti, richiede un apporto termico inferiore anche di alcuni gradi rispetto ad altri materiali, quindi si pone come soluzione ideale per una scelta progettuale sostenibile.

09 Novembre 2020

Magazine

Dal nostro blog