<link rel="stylesheet" href="/static/CACHE/css/main.ee2883624051.css" type="text/css" media="screen, projection">

Gow Hastings Architects: intervista con l'architetto

La ventottesima edizione del Ceramics of Italy Tile Competition 2021 ha visto la nostra collezione Stone Project by Ergon tra i vincitori nella categoria Institutional, per il progetto scolastico “Niagara College Welland Student Commons” (Welland, Canada).

Abbiamo avuto la possibilità di intervistare la designer che ha curato questo fantastico progetto, Valerie Gow dello studio di architettura Gow Hastings Architects (Toronto, Canada).

 

1. Ci descriva il suo studio di architettura e il suo approccio nella progettazione di spazi umani.

Gow Hastings Architects è uno studio con sede a Toronto specializzato nella creazione e trasformazione di edifici scolastici, commerciali e pubblici. Il nostro approccio unisce architettura, interior design e design grafico per offrire agli utenti un'esperienza completamente connessa.

Il nostro obiettivo principale nella progettazione degli spazi umani è tradurre la personalità unica e gli ideali del cliente in forma fisica, affrontando anche la funzionalità e il contesto fisico dello spazio. Penso che un progetto abbia più successo quando l'impressione generale riflette lo spirito dell'istituzione e ispira gli utenti in ogni momento.

 

2. Il “Niagara College Welland Student Commons” era un progetto di ristrutturazione molto ambizioso. Qual è stata l'idea alla base e quali erano i requisiti tecnici?

Il Welland Student Commons è un ambizioso progetto di ristrutturazione: fa parte di un più ampio progetto di riqualificazione da 64 milioni di dollari in due campus del Niagara College su cui lavoriamo dal 2014. L'idea alla base dello Student Commons era quella di stabilire un hub dedicato alla comunità studentesca. Questo fornisce un incentivo per gli studenti a rimanere nel campus in uno spazio appositamente costruito per la loro interazione e socializzazione. Il successo è stato tale che gli stand sono sempre richiesti e gli studenti occupano continuamente lo spazio dalla mattina alla sera.

Tecnicamente, lo Student Commons razionalizza un campus che si è evoluto nel tempo. Lo sviluppo del Welland Campus a partire dal 1967 aveva generato un ammasso confuso di edifici, pieno di corridoi bui. La creazione degli Student Commons ha offerto l'opportunità di razionalizzare questo cluster, stabilire un nuovo ingresso al campus rivolto a nord, migliorare il marchio e l'orientamento e consentire alla luce naturale di migliorare l'esperienza stessa degli studenti.

 

3. La nostra collezione in gres porcellanato Stone Project by Ergon è stata selezionata per gli spazi interni dell'edificio. Cosa l’ha attratta di più di questa serie?

Abbiamo scelto Stone Project by Ergon per la sua alta qualità e il formato che aiuta a mettere ordine in un grande spazio aperto. Le piastrelle lineari in gres porcellanato sono state installate in grigio e bianco per favorire l’orientamento, creando un percorso che aiuta a dirigere le folle attraverso gli Student Commons. I toni alternati del pavimento in gres porcellanato delimitano diverse zone di attività, come il corridoio, lo spazio per eventi, la sala ristorazione e lo spazio di raccolta, mentre le piastrelle grigie più scure definiscono le aree salotto.

 

4. Quali caratteristiche dei prodotti e servizi Emilgroup ha apprezzato maggiormente in questo progetto?

La linea di prodotti Emilgroup include design accessibile, attenti alla praticità e che durano nel tempo. Inoltre, ci impegniamo a progettare progetti rispettosi dell'ambiente e apprezziamo fornitori come Emilgroup che investono in pratiche sostenibili.

 

5. Pensa che l'attuale situazione globale influenzerà l'approccio della progettazione architettonica nella creazione di nuovi spazi pubblici?

Penso che l'attuale situazione globale stia già influenzando il design dello spazio pubblico. I progetti che abbiamo intrapreso durante la pandemia danno la priorità a igiene e ventilazione migliorate, disposizione dei posti a sedere ampliata, grafica e indicazioni stradali per una circolazione ottimizzata e tecnologia all'avanguardia per la connettività da remoto. Penso che continueremo a vedere gli spazi pubblici progettati in questo modo, con la flessibilità di adattarsi alle incognite.

La pandemia ha confermato la mia convinzione che gli spazi debbano essere dotati di flessibilità per il cambiamento. Con un design flessibile, gli spazi possono essere facilmente riconfigurati per il distanziamento sociale e riorganizzati man mano che le regole di distanziamento sociale si allentano. Layout flessibili e soluzioni di arredo mettono in atto infrastrutture per l'adattabilità futura, che è particolarmente importante per le istituzioni pubbliche che crescono e cambiano nel tempo. Questo permette di preparare gli spazi a qualsiasi evenienza, da un cambio di programma a una pandemia globale!

 

Photo Credits: Scott Norsworthy

 

 

23 Agosto 2021